Quali sono le differenze tra biliardo e carambola

Esaminiamo le principali differenze che vi sono tra il gioco del biliardo e il gioco della carambola; in particolare vi parleremo di regole di gioco differenti e differenti accessori e strumenti con i quali dilettarsi in queste differenti discipline.

Il biliardo

Per gioco del biliardo si intende tendenzialmente un gioco e una disciplina che si praticano su un tavolo, caratterizzato dalla presenza di un piano di gioco realizzato con l’ausilio di un piano verde, con al di sotto della tavola di ardesia o ossidiana, una pietra molto resistente agli urti.

Recentemente i piani di gioco dei biliardi sono anche realizzati con MDF, questa tipologia di piano riduce il peso del biliardo e permette di potere acquistare biliardi già assemblati.

I modelli con piano in di gioco in ardesia, visto il loro notevole peso, non possono essere acquistati già assemblati, ma necessitano di assemblaggio nel luogo di utilizzo.

Il biliardo è un gioco che ha origini molto antiche, che prevede l’utilizzo di un’asta denominata stecca, per colpire le bilie che vengono disposte sul piano di gioco e che dovranno essere proiettate all’interno delle 6 buche presenti sul tavolo. Talvolta le bilie vengono lanciate direttamente con le mani, senza l’utilizzo dello strumento della stecca; questo gioco rappresenta una variante del biliardo, denominata “boccette”.

Origini gioco del biliardo

Sembra che il primo tavolo da biliardo del quale si abbia conoscenza a livello storico, sia il modello di proprietà del sovrano francese Luigi XI, nel 1470; il gioco ha avuto origine in questo periodo negli ambienti di corte francesi: si trattava di una disciplina imperniata sullo scivolamento di bilie che si muovevano su un piano orizzontale particolarmente liscio. Tuttavia, un gioco decisamente più simile al biliardo moderno, si sviluppò sempre in Francia, intorno al XV, secolo, quando nel Paese iniziò a diffondersi una tipologia di tavolo molto simile a a quello che viene utilizzando oggi per il gioco della carambola: questo tavolo derivava da quello utilizzato per il gioco antico del Bagatelle. A partire dal XV secolo, la diffusione nel continente europeo dei tavoli da biliardo, fu molto rapida; oltremanica di sviluppò parallelamente un gioco molto simile all’arcaico biliardo francese: in Inghilterra erano infatti giunte informazioni relative alla proporzione dei tavoli utilizzati per il gioco, senza però conoscere i dettagli delle misure. In seguito il gioco del biliardo si diffuse anche oltre oceano, nel continente americano; nei primi anni del novecento, nacquero anche grazie alla rivoluzione industriale e allo sviluppo delle moderne tecnologie, le tradizionali bilie numerate e colorate del biliardo moderno. Lo scopo del gioco del biliardo era ed è tutt’ora quello di proiettare le proprie bilie, all’interno delle 6 buche del tavolo da gioco, prima che lo faccia l’avversario. Le bilie del biliardo, generarono in America nel corso degli anni, discipline e varianti di gioco differenti, tutte riferite ai tavoli con buche allargate; per tale ragione i tavoli da biliardo con buche allargate, sono comunemente definiti “a buche americane”. Tutte le discipline e varianti del gioco del biliardo all’americana, sono particolarmente avvincenti e spettacolari.

Le buche e i tavoli da gioco del biliardo

Le buche di un tavolo da biliardo sono sei: quattro posizionate ai rispettivi angoli del tavolo, e due posizionate al centro delle sponde lunghe. Esistono tuttavia dei modelli di tavoli da biliardo che potremmo definire antichi (tavoli a buche strette), dotati solamente di quattro buche agli angoli della superficie. Il tavolo di gioco è costituito da grosse lastre di ardesia; la superficie del piano e le rispettive sponde, sono realizzate con l’ausilio di un sottile e morbido panno, solitamente di colorazione verde. Ogni tavolo da biliardo, oltre ad essere completamente in bolla, ovvero perfettamente orizzontale, dovrà essere caratterizzato da sponde che presentano un’elasticità ottimale, in modo da restituire al tiro pulito, un angolo di uscita perfettamente simmetrico. Grazie a sponde perfettamente elastiche è inoltre possibile ottenere una traiettoria di uscita conforme all’incremento di rotazione assiale, conferito alla palla; le dimensioni di un tavolo da biliardo possono variare notevolmente, a seconda delle differenti tradizioni locali e consuetudini: il tavolo caratterizzato dalla superficie più ampia è il tavolo da snooker, una particolare disciplina britannica.

La carambola

Potremmo definire il gioco della carambola, come la principale specialità del gioco del biliardo, che comprende diverse variabilità di gioco; il gioco della carambola è conosciuto a livello internazionale con l’appellativo anglofono di carom billiard, o più brevemente “caroms”; per definire le specialità del gioco della carambola, viene inoltre utilizzato il termine francese “carambolage”. La carambola è una specialità che si gioca su un tradizionale tavolo da biliardo, di dimensioni di 284 per 142 centimetri, privo di buche; per la carambola vengono inoltre utilizzate bilie caratterizzate da un diametro di 61,5 millimetri e da un peso di circa 120 grammi; le colorazioni delle bilie più frequentemente utilizzate, sono il rosso, il bianco e il giallo. Ad ognuno dei giocatori verrà assegnata una delle due bilie di colore giallo e bianco, mentre la bilia rossa svolgerà nel gioco, la funzione di pallino. I set di bilie utilizzati per il gioco della carambola, potranno tuttavia variare di colore.

Le specialità della carambola

Lo scopo del gioco delle differenti specialità di carambola è fa “carambolare” la propria bilia, utilizzando la stecca, sulle due bilie rimanenti, ottenendo così un punto; a seconda delle diverse specialità del gioco della carambola, la bilia di ogni giocatore dovrà preventivamente toccare da una a tre sponde, prima di colpire le altre bilie. Nella specialità della carambola libera, per ottenere un punto, il giocatore dovrà far carambolare la propria bilia, sulle altre due bilie in qualsiasi modo: sia direttamente che indirettamente. La carambola a tre sponde è certamente la specialità del gioco più diffusa a livello internazionale: in questa variante di carambola, per ottenere un punto il giocatore potrà giocare la sua bilia in quattro differenti modalità. Vi sono poi altre specialità del gioco della carambola, quali la carambola a una sponda, la carambola quadro, e da ultimo la carambola artistica.

Dilettarsi nel gioco del biliardo e della carambola

Se siete appassionati del gioco del biliardo o di una delle diverse specialità della carambola, consultando il nostro catalogo di tavoli professionali da gioco, potrete prendere visione della nostra proposta commerciale; disponibili nella nostra offerta, moltissimi modelli di tavoli da biliardo a 6 buche, quali ad esempio il biliardo Mercurio, il biliardo Nettuno (tavoli a gettoniera), il biliardo Marte, il biliardo Black Norman Light e moltissimi altri prodotti di qualità. Consultando il nostro catalogo, troverete anche molti modelli di carambole professionali.